Serviva un’impresa, non è arrivata. La Goldengas rovina una buona partenza con un secondo quarto sottotono e torna da Vicenza con la terza sconfitta in altrettante gare fin qui disputate nel girone C1 di Serie B.

Parte molto bene, come detto, la banda Paolini, che sorprende i padroni di casa con un Pozzetti scatenato (10 punti). Alla sirena, il tabellone recita 18 a 17 per il quintetto marchigiano. Nel secondo periodo Hidalgo si prende la scena e con lui tutta Vicenza, che spezza decisamente l’equilibrio: la Tramarossa va negli spogliatoi sul +15 (44-29). Splendida reazione di Senigallia nel terzo quarto, che difende meglio e con le ‘bombe’ di Gurini e Centis rientrano in partita (53-49).

Ultimi 10′. Peroni fa centro al primo tentativo da fuori. Break firmato Hidalgo-Chiti (62-54). Timeout. Giacomini da lontano (62-57). Coral respinge l’assalto di Senigallia (65-57). Centis e Gurini: la Goldengas non molla (65-61 a 1’47” dal termine). L’ex Bastone rimette a 6 i punti di distacco. Ancora Gurini (best scorer con 20 punti) tiene viva la speranza biancorossa, ma non basta: Vicenza batte Senigallia 73 a 66. Veneti a punteggio pieno, marchigiani ancora a zero punti.

TRAMAROSSA VICENZA – GOLDENGAS PALLACANESTRO SENIGALLIA 73-66
(17-18, 27-11, 9-20, 20-17)

TRAMAROSSA VICENZA
Bastone 12, Corral 12, Zampogna 4, Cernivani 10, Hidalgo 18, Chiti 8, Visentin, Piccoli 3, Petracca 6, Sequani, Contrino. All. Ciocca.

GOLDENGAS PALLACANESTRO SENIGALLIA
Pierantoni 3, Pozzetti 16, Peroni 13, Giunta 2, Giacomini 3, Centis 5, Gurini 20, Serrani, Cicconi Massi, Costantini, Moretti 4, Terenzi. All. Paolini.

E’ stata una partita molto tirata, controllata più dalle difese che dagli attacchi, con percentuali scarse nel tiro da 3 punti di entrambe le squadre“, la prima analisi della sfida in terra veneta da parte di coach Paolini.

Noi abbiamo avuto solo un attimo di sbandamento nel secondo quarto, che ci ha portato a finire il 1° tempo sotto di 15, ma siamo stati bravi a riportare il match nei binari giusti. Purtroppo ci è mancato ancora una volta il guizzo finale, che ci è già costato il ko con Mestre e a Cividale. Comunque buoni segnali dall’atteggiamento difensivo della squadra, che era stato il nostro tallone d’Achille delle prime due uscite: dobbiamo continuare su questa strada e migliorare i sincronismi offensivi, non benissimo oggi. Stiamo piano piano recuperando Gurini e abbiamo avuto qualche risposta in più dalla panchina. Alla fine una sconfitta che dà fastidio, ma che ci lascia in dote delle cose positive“.

da Ufficio Stampa Pallacanestro Senigallia

Optovolante
viaggi di velluto 800x600
Edilizia Paolini
Vecchio Molino - sede Senigallia
logo-tecnomedical
onoranze funebri mantoni
Fintel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *