Il 2021 è stato un anno indimenticabile per questo piccolo Comune della bassa pesarese ai confini col territorio della Marca di Ancona. Nella segreteria del Sindaco Nicola Barbieri c’è un continuo andirivieni di appuntamenti per i riconoscimenti ai propri concittadini, che si sono
fatti onore con lo sport e che quindi hanno accresciuto il prestigio di questo Comune che oggi non è solo famoso per il “Mare d’Inverno” di Enrico Ruggeri ma anche per la prestigiosa vittoria ai recenti campionati Europei di pallavolo femminili con i due allenatori marottesi Davide Mazzanti e Matteo Bertini.

In questo fine estate sono state più le targhe consegnate dal giovane Sindaco mondolfese che quelle emesse dalla Motorizzazione Civile pesarese. Oltre la pallavolo, quest’anno post Covid, ha avuto come protagonista lo sport della ruzzola con la Società ASD Mondolfo che ha fatto incetta di premi a livello regionale e nazionale.

Dopo le piazze d’onore conquistate nel campionato Uisp singolo, svoltosi a Mondolfo da Francesco Piagnerelli e Libero Contardi, due formazioni hanno conquistato il titolo di campioni regionali, quelle capitanate da Donati Massimo (Serie A) e quella del Presidente Rosati Tonino in Serie B, a Monteroberto le formazioni con capitano Rossi Giancarlo (Serie A) e quella di Campanelli Sauro (Serie B) hanno conquistato addirittura il campionato nazionale. Non meno importante la medaglia di bronzo in Serie B, portata a casa dalla formazione di Leonardo Polverari.

Questo exploit è giunto in terra pesarese dopo ben 34 anni e quindi questa cavalcata non poteva che terminare con un incontro enogastronomico, che ha visto presenti non solo i vincitori, ma anche vari iscritti alla Società Mondolfese che hanno voluto complimentarsi con i compagni. Naturalmente anche il Sindaco Nicola Barbieri, nonostante la campagna elettorale entrata nel vivo, non è voluto mancare per complimentarsi con i suoi concittadini, anzi ha voluto ricordare questi successi con delle bellissime targhe consegnate ai capitani. Prestazioni sportive di alto livello non potevano richiedere un finale all’altezza delle stesse.

Il cielo su Mondolfo e Marotta è sempre più azzurro e quando appare l’arcobaleno ha i colori bianco, rosso e verde. E mai come quest’anno, si scrive Mondolfo, si legge vittoria!

di Giancarlo Rossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *